I 12 giorni di Natale - Completa storia e storia

La maggior parte del mondo occidentale conosce la canzone festosa "12 giorni di Natale". È una canzoncina divertente che descrive dodici giorni di regali nel conto alla rovescia per il giorno di Natale.

Mentre le sue origini non sono chiare - alcuni dicono che è una vecchia filastrocca per bambini, altri credono che nasconda messaggi in codice - è diventato un punto fermo delle festività natalizie.

Cloud Storage

La domanda è: cosa significa tutto questo? Chi regala sei oche che depongono e, siamo onesti, chi vorrebbe riceverle? Sembra una grande responsabilità.

Almeno i cinque anelli d'oro non hanno bisogno di essere nutriti (o di uno stagno). Fortunatamente, 12 Days of Christmas è una canzone in gran parte metaforica, sebbene celebri un momento speciale.

La prima cosa da sapere è che 12 giorni di Natale in realtà non si riferisce al conto alla rovescia per il giorno di Natale.

Inizia il giorno di Natale (il primo giorno) e termina dodici giorni dopo, il 5 gennaio o "Dodicesima notte". È un periodo che si celebra in tutta Europa sin da prima del medioevo.

Tradizionalmente, ogni giorno rappresenta una festa per un santo e le rispettive caratteristiche o servizi.

Per esempio, Santo Stefano celebra i martiri perché il suo santo, Santo Stefano, è morto per le sue credenze religiose. Diamo uno sguardo più da vicino a ogni giorno a cui si fa riferimento nella canzone:

Il dono della personalizzazione

1 ° giorno: Natale (25 dicembre) segna il nascita di Gesù Cristo.

Giorno 2: Santo Stefano (26 dicembre) celebra la vita e il martirio di Santo Stefano.

3 ° giorno: (27 dicembre) è dedicato a San Giovanni il Divino perché, secondo quanto riferito, Gesù lo amava di più tra tutti i suoi discepoli.

4 ° giorno: (28 dicembre) è uno dei pochi giorni in cui non si festeggia un santo. Invece, segna la festa del Santi innocenti, un giorno per piangere i bambini uccisi dal re Erode.

5 ° giorno: (29 dicembre) celebra San Tommaso Becket e il suo coraggio nell'opporsi ai tentativi del re Enrico II di rendere la monarchia più potente della Chiesa.

6 ° giorno: (30 dicembre) è dedicata a Sant'Egovino di Worcester che, secondo la leggenda, produsse un ruscello quando si perse nelle Alpi e messo in dubbio dai suoi derisori compagni.

7 ° giorno: (31 dicembre) è il capodanno, un momento di gioiosa celebrazione sia oggi che nel corso della storia.

È anche un momento per commemorare Papa Silvestro I, un leader cattolico rinomato per la sua generosità, pazienza e disponibilità a lavorare a fianco della monarchia.

CONSIGLIATO  Raccolta di risorse per la storia dei canti natalizi

In Germania, Israele, Austria, Slovenia, Ungheria, Croazia, Polonia e molte altre nazioni dell'Europa orientale, questo giorno viene talvolta chiamato "Silvestro".

8 ° giorno: (1 gennaio) Il capodanno è, tradizionalmente, un momento per celebrare la vita di Maria Maddalena, madre di Gesù Cristo. 

9 ° giorno: (2 gennaio) ricorda le gesta di due santi, San Gregorio Nazianzeno e San Basilio Magno, amici intimi e Dottori della Chiesa che trascorsero la loro vita curando i malati

Giorno 10: (3 gennaio) è speciale perché era il giorno della cerimonia di nomina di Gesù o del "battesimo", come lo chiameremmo ora. In questo giorno, Gesù è stato ufficialmente nominato nel tempio ebraico.

È un evento ampiamente celebrato e diverse chiese lo commemorano in giorni diversi, anche se si pensa che il 3 gennaio sia il giorno di denominazione originale.  

Giorno 11: (4 gennaio) celebra la vita del primo santo americano, St. Elisabetta Impostato su. È la santa patrona delle scuole cattoliche, delle vedove e dei marittimi.

12 ° giorno: (5 gennaio), conosciuto anche come Epifania vigilia o Dodicesima Notte, è l'ultimo giorno di festeggiamenti.

Ricorda San Giovanni Neumann, il primo vescovo americano. È noto per i suoi instancabili sforzi per portare le scritture e gli insegnamenti cattolici a un pubblico più ampio. 

La storia della dodicesima notte di celebrazione

Storicamente, la dodicesima notte, l'ultimo giorno delle festività natalizie, è stata celebrata con feste sontuose e celebrazioni pubbliche.

È interessante notare che in quel giorno era comune che si verificassero inversioni di ruolo. Spesso i servi erano invitati a essere serviti dai loro ricchi datori di lavoro.

Si pensa che la tradizione risalga al medioevo e potrebbe riferirsi alla natura "opposta" dell'inverno e della primavera.

Celebrazione della dodicesima notte

Nella maggior parte delle famiglie, una torta della dodicesima notte veniva preparata e consumata al mattino, prima dell'inizio di qualsiasi celebrazione.

La ricetta era composta da uova, burro, frutta, noci e spezie. In effetti, la versione moderna più vicina della torta della dodicesima notte è la Panettone milanese.

Proprio come la tradizione greca di nascondere una moneta in una torta, all'interno veniva cotto un solo pisello essiccato.

Il cercatore del pisello si intitolava Lord o Lady of Misrule e il loro lavoro, durante le celebrazioni del dodicesimo giorno, era quello di condurre i festaioli in allegria.

CONSIGLIATO  Santo Stefano - (Storia del giorno dopo Natale)

Più tardi, in epoca georgiana, questa tradizione festiva fu leggermente modificata per creare sia un re che una regina del malgoverno.

Insieme, avrebbero tenuto il dominio sulle feste e si sarebbero assicurati che tutti si divertissero.

Durante queste feste della dodicesima notte, c'era molta musica, in particolare le canzoni suonate con i tubi. Molti dei giochi giocati presentavano uova in quanto erano ampiamente disponibili, economici e facilmente sostituibili.

È una buona cosa perché molti di questi giochi comportavano il lancio di uova attraverso la stanza o il bilanciamento precario su cucchiai.  

In un esempio ancora più strano di inversione di ruolo festiva, le cattedrali inglesi sceglievano un ragazzo della scuola del monastero come vescovo per un giorno.

Dal 6 dicembre al 28 dicembre, questo "ragazzo vescovo" poteva esercitare tutta la normale autorità di un normale vescovo adulto.

L'unica cosa che gli era proibito fare era celebrare la messa.

Inutile dire che questa tradizione non era popolare tra i monarchi, che erano onnipotenti tranne quando si trattava del governo della chiesa. Il re Enrico VII ha vietato il processo nel 1542.

Sarebbe stato brevemente rianimato dalla figlia maggiore Maria Io, poi rapidamente messo fuori legge per sempre dall'altra sua figlia Elisabetta I.

Alla fine, quando i festeggiamenti della dodicesima notte finivano ei festeggiamenti lasciavano il posto ai buoni propositi per un buon e prospero anno nuovo, la gente smontava le decorazioni e tornava ai campi.

Il primo lunedì dopo la dodicesima notte veniva comunemente chiamato "lunedì dell'aratro" perché segnava un ritorno ai doveri quotidiani.

Ulteriori informazioni con l'aiuto del video

Punti principali Circa 12 giorni di Natale

  1. I 12 giorni di Natale sono il periodo tra la nascita di Gesù bambino e la visita dei Magi.
  2. Conosciuto anche come le dodici maree, i 12 giorni di Natale sono festività per celebrare la natività di Gesù.
  3. I 12 giorni di Natale di solito iniziano il 25 dicembre e durano fino al 6 gennaio.
  4. L'ultimo giorno dei 12 giorni di Natale è noto come Epifania. È anche chiamato il giorno dei Tre Re.
  5. A volte durante i 12 giorni di Natale, alcune famiglie amano osservare altre feste o altri giorni riservati ai santi.

Domande frequenti (FAQ) Circa 12 giorni di Natale

  1. Cosa significano i 12 giorni di Natale?

    La celebrazione di 12 giorni del Natale è il simbolo dei Dodici mesi che sono presenti in un anno. Ogni giorno di Natale viene celebrato come un nuovo mese dell'anno.

  2. Come festeggi i 12 giorni di Natale?

    Giorno di Natale, Santo Stefano, giorno di Sant'Apostolo, festa del santo innocente, San Tommaso Becket, Sant'Egwin di Worcester, Capodanno e #039; s Eve, Maria la madre di Gesù, San Basilio il Grande, la festa del santo nome di Gesù , St Elizabeth Ann Seton, e l'epifania. Così si celebrano i 12 giorni di Natale.

  3. Perché l'Epifania è 12 giorni dopo Natale?

    Gli storici ei cristiani credono che 12 giorni fosse il tempo esatto che i saggi ei pastori impiegarono per recarsi a Betlemme e raggiungere Gesù Cristo dopo la sua nascita e riconoscerlo come un Dio.

  4. Qual è il numero totale di regali offerti nei 12 giorni di Natale?

    Il numero totale di doni offerti è 364. Possiamo vedere che il numero di tamburini, colombe e pernici è nell'ordine. Quindi il modo più semplice per contare i nostri regali è aggiungere al centro della lista e poi raddoppiare il risultato: (12 + 22 + 30 + 36 + 40 + 42) × 2 = 364

CONSIGLIATO  Aspetto religioso del Natale

Conclusione

A partire dal 25 dicembre fino al 5 gennaio, è noto come 12 giorni di Natale. Il 25 dicembre è il giorno che celebriamo come la nascita di Gesù Cristo. Il 5 gennaio è celebrato come l'Epifania.

Per i miei lettori che seguono altre religioni oltre al cristianesimo, questa sarebbe una nuova informazione. Per i cristiani, questo dovrebbe essere un riferimento sull'esatto significato di ogni giorno prima dell'Epifania.

Word Cloud per 12 giorni di Natale

Di seguito è riportata una raccolta dei termini più utilizzati in questo articolo su 12 giorni di Natale. Questo dovrebbe aiutarti a ricordare i termini correlati usati in questo articolo in una fase successiva per te.

Riferimenti

  1. https://en.wikipedia.org/wiki/The_Twelve_Days_of_Christmas_(song)
  2. https://www.vox.com/2015/12/25/10661878/12-days-of-christmas-explained
  3. https://people.howstuffworks.com/culture-traditions/holidays-christmas/twelve-days-christmas.htm